Il Portale della psichiatria e della psicologia

Vai ai contenuti
contributi speciali
Curiosità


GENTE ALLEGRA VIVE DI PIU'
di Cecilia La Rosa

Chi riesce a divertirsi e mantenere una vita serena e ricca di curiosità ha una speranza di vita più alta. Questo il risultato di un ampio studio longitudinale della durata di quattro anni sulla correlazione tra capacità di mantenere una vita gradevole e soddisfacente e la speranza di vita condotto in Inghilterra dall' English Longitudinal Study of Ageing (ELSA) .  Lo studio ha coinvolto una popolazione di oltre 9000 persone, uomini e donne età media 63 anni. I soggetti dovevano misurare il loro grado di benessere soggettivo rispondendo a semplici domande come : mi piacciono le cose che faccio; mi piace stare con gli altri; Se mi guardo indietro sono felice di quello che ho fatto; Mi sento spesso pieno di energia. I risultati a quattro anni di distanza , tenendo conto anche di variabili relative a malattie fisiche psichiche hanno mostrato una mortalità decisamente piu’ alta tra qulli che avevano risposto più negativamente alle domande. Dunque una capacità di tenuta rispetto alle avversità della vita, verrebbe da chiedersi,  potrebbe essere un fattore di resilienza rispetto alle malattie e alla depressione e alla senilità? Parlando infatti di anziani non possiamo non pensare che queste persone, come tutti, abbiano dovuto affrontare gli eventi critici depressogeni della vita come le malattie, il pensionamento, l’uscita dei figli di casa, la morte dei loro cari ma.. (e c’e’ un ma) alcuni resistono meglio e riescono a mantenere un certo grado di soddisfazione soggettiva e di conseguenza ammalano meno e muoiono più tardi. Mettiamoci dunque allaa ricerca dunque del cocktail personale di felicità. Perché si tratta sempre di qualcosa di personale e unico che nessuna ricerca ci potrà indicare.

link utili:
https://www.elsa-project.ac.uk/publications
http://www.bmj.com/content/355/bmj.i6267
Sustained enjoyment of life and mortality at older ages: analysis of the English Longitudinal Study of Ageing
BMJ 2016; 355 doi: http://dx.doi.org/10.1136/bmj.i6267 (Published 13 December 2016)Cite this as: BMJ 2016;355:i6267

Abstract
Objective To test whether the number of reports of enjoyment of life over a four year period is quantitatively associated with all cause mortality, and with death from cardiovascular disease and from other causes.
Design and setting Longitudinal observational population study using the English Longitudinal Study of Ageing (ELSA), a nationally representative sample of older men and women living in England.
Participants 9365 men and women aged 50 years or older (mean 63, standard deviation 9.3) at recruitment.
Main outcome measures Time to death, based on mortality between the third phase of data collection (wave 3 in 2006) and March 2013 (up to seven years).
Results Subjective wellbeing with measures of enjoyment of life were assessed in 2002 (wave 1), 2004 (wave 2), and 2006 (wave 3). 2264 (24%) respondents reported no enjoyment of life on any assessment, with 1833 (20%) reporting high enjoyment on one report of high enjoyment of life, 2063 (22%) on two reports, and 3205 (34%) on all three occasions. 1310 deaths were recorded during follow-up. Mortality was inversely associated with the number of occasions on which participants reported high enjoyment of life. Compared with the no high enjoyment group, the hazard ratio for all cause mortality was 0.83 (95% confidence interval 0.70 to 0.99) for two reports of enjoyment of life, and 0.76 (0.64 to 0.89) for three reports, after adjustment for demographic factors, baseline health, mobility impairment, and depressive symptoms. The same association was observed after deaths occurring within two years of the third enjoyment measure were excluded (0.90 (0.85 to 0.95) for every additional report of enjoyment), and in the complete case analysis (0.90 (0.83 to 0.96)).
Conclusions This is an observational study, so causal conclusions cannot be drawn. Nonetheless, the results add a new dimension to understanding the significance of subjective wellbeing for health outcomes by documenting the importance of sustained wellbeing over time.


Apertamentweb Editore - Roma, via Alida Valli 30 - 00138
mail@apertamenteweb.it - Tel.039 068416697
Partita IVA e Codice fiscale 14419911004
IBAN: IT06G0301503200000003621313 intestato a Apertamenteweb
Torna ai contenuti